Torna all'Home Page
Torna all'Home Page
Antica Croce dell'Ordine

Cavaliere del S. Sepolcro nel sec. XII°
Sin dalla prima crociata, nel 1096, fu avvertita l'esigenza di creare associazioni di Cavalieri, a carattere religioso-militare, che si dedicassero alla difesa dei Luoghi Santi ed all'assistenza dei pellegrini.
Ed infatti, subito dopo la liberazione di Gerusalemme, Goffredo di Buglione affidò ad un Corpo scelto organizzato come ''Ordine'', di cinquanta Cavalieri-frati che vestivano una bianca tunica sulla quale era sovrapposta una croce rossa di tipo potenziato, con quattro croci più piccole sempre rosse, l'onore della custodia armata del Santo Sepolcro.
Alcuni di tali Cavalieri erano religiosi, altri laici, ma tutti sapevano - quando necessario - usare la spada.
Essi dovevano obbedienza al Patriarca di Gerusalemme e seguivano la ''regola'' di Sant'Agostino.
Il più antico documento attestante l'istituzione dell'Ordine risale al 1103 a opera di Baldovino I°, fratello minore di Goffredo di Buglione. Con esso si dava facoltà al Patriarca di Gerusalemme di creare Cavalieri dell'Ordine.
Re e Principi si ritenevano onorati di appartenere all'Ordine, cui elargivano beni e favori, dimodochè l'Ordine stesso si estese e si potenziò non solo in Terra Santa, ma anche in Europa, dalla Spagna alla Polonia, dall'Italia alla Francia, all'Inghilterra, alla Germania, all'Ungheria.
Con la caduta del Regno di Gerusalemme venne meno lo scopo che aveva determinato la creazione dell'Ordine - ovverossia la difesa territoriale dei Luoghi Santi in genere e del Santo Sepolcro in particolare - ma ad esso se ne sostituì uno nuovo, altrettanto nobile, importante e più duraturo nel tempo: la difesa spirituale dei valori del cristianesimo in Terra Santa e la conservazione materiale dei suoi Santuari.
Dal XVI°al XVIII° secolo l'Ordine perdette la sua compattezza e solo intorno alla metà del XIX° secolo divenne possibile ricostituirlo in un unico organismo.
Artefice di ciò fu Papa Pio IX° che riuscì a stipulare un accordo con la Sublime Porta e con Breve del 23 luglio 1847 ristabilì il Patriarcato di Gerusalemme. Ad esso fu sottoposto l'Ordine del Santo Sepolcro.
Pio XII°, mediante il Breve ''Quam Romani Pontefices'' del 14 settembre 1949, trasferì il Governo dell'Ordine da Gerusalemme a Roma e stabilì che Gran Maestro dell'Ordine fosse un Cardinale di Santa Romana Chiesa mentre il Patriarca latino di Gerusalemme assumesse il titolo e le prerogative di Gran Priore.
Per maggiori informazioni sull'Ordine e sul Gran Magistero: www.oessg-gm.net/

Placca dei cavalieri francesi dell'Ordine del sec. XIX°
Antica croce al tempo del duca di Nevers